Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti, per maggiori dettagli leggi l'informativa estesa.

Fai click su ok per acconsentire di utilizzare i cookies.

Stampa

 

I risultati dopo una ricerca tutta italiana,

 

condotta da Emanuele Giurisato, del dipartimento di Medicina molecolare e dello sviluppo dell'Università di Siena, con Cathy Tournier, dell'università di Manchester, e William Vermi, dell'Università di Brescia: adesso si punta a bloccarla.

 

Individuata la proteina ERK3 che permette ai tumori di crescere; conoscerla permette di bloccare i macrofagi, da tempo tra i migliori alleate dei tumori.
 
I macrofagi 'cellule spazzino' del sistema immunitario, possono essere riprogrammati quando interferiscono con il micro-ambiente che si crea quando le cellule sane diventano tumorali. In questa loro nuova identità, resa possibile dalla proteina chiamata ERK3, i macrofagi diventano alleati dei tumori e li aiutano a crescere. Di conseguenza la proteina ERK3 potrebbe diventare il bersaglio di futuri farmaci, come indicano i test che nei topi sono riusciti a bloccare la crescita dei tumori: eliminandola è possibile ridurre il numero dei macrofagi e bloccarne l'azione.
 
"Siamo riusciti a dimostrare come nei topi la crescita di carcinoma si sia ridotta in assenza della proteina ERK-5, mentre contemporaneamente si sia creata una situazione infiammatoria anti-tumorale", ha rilevato Giurisato. "Questi risultati - ha aggiunto - accrescono la possibilità che andare a colpire i macrofagi pre-tumorali attraverso una terapia che sopprima la proteina ERK-5 costituisca una nuova strategia per future cure anticancro".
Visite: 488